Sala 5

Sala 5

La quinta sala custodisce le opere di artisti attivi tra il XIV e il XV secolo. La prima opera che risalta in questa sala è il “Sarcofago del Beato Marcolino Amanni” realizzato da Antonio Rossellino e dalla sua bottega nel 1458. L’opera era l’urna sepolcrale del Beato Marcolino e un tempo si trovava all’interno della chiesa di San Giacomo Apostolo del convento forlivese dei Domenicani. Con le leggi eversive del Regno d’Italia, l’arca fu acquisita nelle collezioni della civica pinacoteca, mentre le spoglie del Beato furono traslate in Duomo. Un’altra opera di rilievo è la “Madonna con il Bambino” che fu probabilmente dipinta da Vitale da Bologna, importante pittore del Trecento emiliano. Secondo la tradizione, il Beato Marcolino (1317-1397) si faceva accompagnare da questa sacra immagine nelle sue opere di carità e nei suoi tentativi di riportare la pace tra le nobili famiglie forlivesi, in lotta per il controllo della città. L’opera è così comunemente conosciuta come Madonna della Pace e, al tempo della Seconda Guerra Mondiale, i forlivesi si raccolsero al suo cospetto per chiedere protezione per i propri cari in guerra e per la fine del conflitto. Il dipinto è entrato a far parte della Pinacoteca forlivese nel 2013, grazie all’importante deposito concesso dall’Ordine Domenicano.
Fotogallery
Antonio Rossellino, Firenze (1427-1479), Sarcofago del beato Marcolino Amanni, 1458 da Antonio Rossellino, Madonna con il Bambino, ultimo quarto del XV sec. Gregorio di Lorenzo (1436 ca-1504 ca), Madonna col Bambino benedicente tra due angeli e cherubini, 1505-1510 ca Vitale da Bologna, documentato dal 1330, già morto nel 1361, Madonna col Bambino
Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (82 valutazioni)

Sala 5 - Comune di Forlì : TURISMO e CULTURA

Turismo & Cultura - Comune di Forlì : TURISMO e CULTURA